25esimo anniversario dell’aviazione UE

on . Postato in news

Questa settimana la Commissione europea celebra il 25o anniversario del mercato interno dell'aviazione dell'UE, la cui istituzione nel 1992 ha rivoluzionato i viaggi aerei in Europa consentendo alle compagnie aeree europee di volare senza restrizioni ovunque nell'UE.

Ciò ha favorito la concorrenza e ha permesso a nuove compagnie, come quelle low-cost, di crescere, consentendo agli Europei di beneficiare di un maggior numero di rotte in tutto il mondo e di voli a prezzi più vantaggiosi e sempre con il massimo livello di sicurezza.
Il mercato interno dell'aviazione non soltanto ha dato impulso allo sviluppo della mobilità europea, contribuendo ad avvicinare i cittadini del continente, ma ha anche avuto un grande impatto sull'economia europea nel suo complesso. Più voli significano più affari, più turismo, più commercio, più posti di lavoro e maggiore prosperità. Nel 2014 ad esempio il settore dell'aviazione ha sostenuto 8,8 milioni di posti di lavoro nell'UE contribuendo al PIL con oltre 621 miliardi di euro.
"Oggi è difficile comprendere in che misura il trasporto aereo sia cambiato grazie all'Unione europea", ha dichiarato la Commissaria per i Trasporti, Violeta Bulc, che ha continuato: "L'istituzione del mercato unico ha rivoluzionato la mobilità, non solo rendendo i viaggi aerei meno costosi e più sicuri, ma anche garantendo più posti di lavoro e crescita economica. In qualità di Commissaria per i Trasporti voglio progredire, sulla base di questo successo, coinvolgendo le nuove tecnologie e facendo della sostenibilità parte del nostro modo di volare".

Studio Europa

Lo Studio Europa è lo studio radiofonico della Rappresentanza. Lo studio radio permette a tutte le emittenti radiofoniche che lo richiedano di registrare, montare e trasmettere, in diretta o in differita, programmi incentrati sull'Unione europea. Cliccando qui sotto potete trovare le trasmissioni di 22 minuti – Una settimana d'Europa in Italia e Un Libro per l'Europa.

http://ec.europa.eu/italia/studio_europa/index_it.htm