Papa Francesco sui Trattati Roma: non ridurre ideali Ue a finanza

on . Postato in news

L'Europa deve evitare la "tentazione di ridurre gli ideali fondativi dell'Unione alle necessità produttive, economiche e finanziarie"; piuttosto deve puntare ai valori, mettendo al centro l'uomo.

Lo ha detto il Papa, parlando ai leader Ue che per la prima volta sono stati accolti tutti insieme in udienza in Vaticano. Il Papa è arrivato nella Sala regia del Palazzo Apostolico dove lo attendevano le delegazioni di tutta Europa. Presenti 27 capi di stato e di governo. L'udienza convocata in occasione del 60.mo anniversario dei Trattati di Roma si è aperta con il saluto del presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani che ha cominciato l'intervento parlando in spagnolo, in onore del papa argentino.
L'Europa, dichiara il Papa, oggi si è persa memoria della fatica. Si è persa la consapevolezza del dramma di famiglie separate, della povertà e della miseria che quella divisione provocò.
"Oggi la globalizzazione, che è un'opportunità, ha anche creato squilibri insopportabili: milioni di poveri interrogano la nostra responsabilità, la crisi economica ha fatto crescere la disoccupazione. Di fronte a queste sfide abbiamo il dovere di individuare soluzioni comuni". Lo dice il premier Paolo Gentiloni, nell'udienza in Vaticano in occasione dell'anniversario dei Trattati europei.
"Il Parlamento Europeo, che è stato, tradizionalmente, uno degli acceleratori del processo di integrazione, è ben consapevole che alla costruzione europea mancano pezzi, che essa va completata. Diversamente l'equilibrio instabile, che la caratterizza, non potrà durare". L'allarme viene dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, incontrando al Quirinale la Conferenza dei presidenti del Parlamento europeo.
"In Europa noi non stiamo parlando delle cose che incidono sulla vita quotidiana delle persone ed è per questo che il divario tra i policy makers europei e la gente comune si sta allargando". Lo ha detto il presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker, nel suo intervento a Palazzo Chigi incontrando il premier Paolo Gentiloni e le parti sociali.

Studio Europa

Lo Studio Europa è lo studio radiofonico della Rappresentanza. Lo studio radio permette a tutte le emittenti radiofoniche che lo richiedano di registrare, montare e trasmettere, in diretta o in differita, programmi incentrati sull'Unione europea. Cliccando qui sotto potete trovare le trasmissioni di 22 minuti – Una settimana d'Europa in Italia e Un Libro per l'Europa.

http://ec.europa.eu/italia/studio_europa/index_it.htm